NON C’E’ LIBERAZIONE SENZA UN PERCORSO DI SVILUPPO CULTURALE E SPIRITUALE

Uno sviluppo soltanto economico non è in grado di liberare l’uomo, anzi, al contrario, finisce con l’asservirlo ancora di più. Uno sviluppo, che non comprenda le dimensioni culturali, trascendenti e religiose dell’uomo e della società nella misura in cui non riconosce l’esistenza di tali dimensioni e non orienta ad esse i propri traguardi e priorità, ancor meno contribuisce alla vera liberazione.
(Giovanni Paolo II)

(Grazie a Stefania Lisio per questo contributo efficace)