AL NOSTRO CARO VITO TARTARO, POETA CIVILE E MAESTRO DI LIBERTA’ (3 Ottobre 1938-12 Febbraio 2014)

Si è spento nella sua Ramacca, vegliato dall’affetto di un intero paese, il nostro caro Vito Tartaro, poeta civile e Maestro di Libertà, Indipendentista siciliano e Internazionalista sociale.

Il suo viaggio di conoscenza su questa Terra cominciò il 3 Ottobre dell’anno 1938.

Lo “Sciamano di Palikè”, il cantore della nostra “Montagna Salvata”, lascia, insieme a tantissimi figli naturali e spirituali, una eredità culturale extra-ordinaria.

E’ difficile spiegare, in questo momento, quanto importante sia stata la sua presenza –(a volte critica ma sempre affettuosa, attiva e operativa, da “portiere esperto”)- anche in tanti momenti del Cammino della Fratellanza “Terra e LiberAzione”.

Perdiamo, tutti, un vero Poeta Militante. Se ne incontrano pochi nella Vita, perché ne nascono pochi, uno ogni tanto.

Buon Viaggio, Vito!

Sul Grande Libro della Lotta per la Verità Siciliana, da geniale autodidatta, hai scritto, con la tua Vita, una pagina immortale: “alla faccia dei siculicani!”. Ne avremo cura. Te lo giuriamo col nostro arcaico “Beddha Matri, ass’annurbari!”.

Grazie di tutto, Poeta e Amico Vero.

Re Sesan Ires!.

 

@ Catania, 12 Febbraio 2014. Mario Di Mauro, per la Fratellanza “Terra e LiberAzione”

 

*LA CERIMONIA DI COMMIATO, LAICA E CIVILE, SI TERRA’AL CENTRO SOCIALE DEL COMUNE DI RAMACCA, ALLE H.14.30…INFO: COMUNE DI RAMACCA