Chi siamo

Il Movimento Sicilia Libera nasce come associazione politico-culturale. L’esigenza della sua costituzione é maturata nell’ambito dei lavori e dibattiti promossi dal Centro Studi Naturalistici Nazione Siciliana. Il nuovo soggetto politico si inserisce nel panorama già ampio dei movimenti e partiti siciliani che richiamano la loro azione politica alla lotta per l’autodeterminazione del popolo siciliano, traguardo che é premessa di una indipendenza non solo politica ma, soprattutto, economica. Il mostro da abbattere non é lo Stato italiano, ma la versione scarsamente edificante di un sistema di “affari” che ha elaborato la schiera di politici (anche siciliani) che si sono avvicendati nei palazzi romani. Un business legittimato che, negli ultimi 50 anni, oltre ad aver snaturato la politica, privandola della sua effettiva ed efficace funzione sociale, ha scippato al popolo siciliano dignità, risorse umane e territoriali, negando qualsiasi prospettiva di un futuro all’altezza della storia millenaria che vede la Sicilia approdo e snodo privilegiato di tutti i traffici economici nel Mediterraneo. La Sicilia ha vissuto epoche di conquista da parte di  popoli che, ciascuno a suo modo, hanno lasciato in eredità al Popolo Siciliano ricchezze culturali, patrimoni inestimabili di  tradizioni che non attengono esclusivamente alle nobili arti maggiori, ma hanno edificato le scuole principali di politica,  economia, ingegneria del lavoro. Per la sua posizione geografica e per la sua vocazione di terra ricca, le civiltà che si sono succedute nell’isola hanno interpretato la Sicilia come area strategica del Mediterraneo,  consentendo ai popoli siculi epoche di sviluppo eccezionali, in cui la realizzazione di opere architettoniche all’avanguardia per bellezza e solidità, ha testimoniato il  lavoro di insigni intellettuali: un lavoro che nel tempo ha permesso alle principali città siciliane di presentarsi come esempi illuminanti di civiltà politiche e sociali nella Vecchia Europa. La città di Palermo ha ospitato il primo vero Parlamento, antesignano a quello della capitale italiana. Con questa consapevolezza, il Movimento Sicilia Libera intende realizzare un lavoro operoso, costante ed esteso che responsabilizzi il popolo siciliano sulla necessità di riappropriarsi della propria vocazione millenaria, pretendendo, in ogni sede istituzionale, quel ruolo determinante nella ripresa e sviluppo della Trinacria. Gli uomini e le donne, gli adulti e i ragazzi del Movimento Sicilia Libera, ben coscienti delle difficoltà che si prospettano sul percorso di maturazione di questo soggetto politico, vogliono lavorare per una politica che curi espressamente gli interessi del popolo siciliano, costretto a donare le sue migliori risorse e ricchezze umane ad aree geografiche di tutto il Pianeta. I Siciliani devono essere coscienti che la forza sin’ora espressa nelle innumerevoli realtà occupazionali, industriali, economiche, sociali e politiche nei più importanti sistemi di stato esteri, deve essere indirizzata in tutti quei contesti che vogliono la Sicilia non più come oggetto di progetti politici fasulli e inconsistenti, quand’anche truffaldini, ma soggetto di progetti capaci di riconsegnare a una terra e al suo popolo quella dignità originaria, sacra ed inviolabile. Il Movimento Sicilia Libera si adopererà perché quella attuale e ventura, sia un’epoca a modello di “cerniera” tra un esteso periodo di declino e di oscurantismo che ha avuto il suo principio nell’anno 1861 e un periodo storico che veda la Sicilia centro nevralgico della sua economia. A questo scopo, il Movimento Sicilia Libera, come primo ed effettivo risultato da consolidare, promuoverà l’Assemblea Costituente del Popolo Siciliano. Nello Statuto siciliano si riconosce la specificità dell’identità storica e culturale della Sicilia e non può essere modificato da chicchessia senza la partecipazione del Popolo Siciliano, prima attraverso l’elezione di una Assemblea Costituente, espressione della società civile siciliana, che venga eletta dai Siciliani con la finalità di riscrivere il nuovo Statuto nello spirito dell’originaria natura patrizia, e poi sottoporlo a referendum consultivo.

Il Movimento lavorerà per favorire la nascita e lo sviluppo di tutte le forme e le esperienze di democrazia diretta, e collaborerà:

  1. con i soggetti politici e sociali che perseguano i suoi stessi obiettivi;
  2. che siano dotati di regole interne democratiche;
  3. che svolgano una costante azione politica coerente con i principi ispiratori del Movimento;
  4. che non partecipino al teatrino o ai mal affari della politica sin’ora espressa dai partiti e dai governi che si        sono alternati a Roma sino alla data della costituzione del Movimento;
  5. che operino sempre ed esclusivamente per il bene della collettività.
L’MSL sarà loro alleato in tutte le vicende sociali e politiche.
Per ogni altra utile informazione, si rimanda allo Statuto del Movimento Sicilia Libera e al Programma Politico insito nell’Appello al Popolo e Cittadini Siciliani.